giovedì 2 aprile 2009

Lo Statuto

ART.1 - IL PARTITO

Il Partito Nazionalcomunista Italiano è il partito politico dei lavoratori e delle
lavoratrici, degli studenti e delle studentesse, degli italiani e delle italiane.
Programma fondamentale del PNCI è il sovvertimento rivoluzionario della
borghesia capitalista e delle classi sfruttatrici, sostituendo alla dittatura borghese
un nuovo ordine sociale e popolare che avrà come obiettivo finale la
realizzazione del Nazionalcomunismo.
Il Partito Nazionalcomunista Italiano si compone degli elementi più avanzati del
Popolo e si prefigge di essere un’organizzazione d’avanguardia, dinamica,
intenta a guidare i ceti deboli, gli studenti, i braccianti, gli operai, i precari nella
lotta rivoluzionaria contro i suoi nemici.
Il Partito Nazionalcomunista Italiano pone il marxismo-leninismo, il maoismo e il
nazional-bolscevismo alla base del suo pensiero, onde determinare la fine
dell’imperialismo e il trionfo del socialismo in Italia e nel mondo.
Compito del Partito è tenere alta la bandiera rossa del nazionalcomunismo,
guidare il popolo italiano verso lo sviluppo delle sue idee rivoluzionarie,
rafforzare il primato del lavoro sul profitto, lottare con tenacia per trarre a sé le
migliori energie intellettuali, qualitative e fisiche che elevino il benessere sociale
e collettivo della Nazione.
Il Partito Nazionalcomunista Italiano pur affermando il patriottismo popolare
nonché l’indipendenza nazionale, non rinnega affatto i principi
dell’internazionalismo proletario unendosi fermamente con tutte le forze
rivoluzionarie, con tutti i popoli oppressi del mondo e lotta con loro per
emanciparsi e distruggere l’imperialismo americano e sionista, il capitalismo, il
neoliberismo mondialista eliminando dalla terra dalla terra ogni sistema fondato
sullo sfruttamento dell’uomo sull’uomo e sull’uso indiscriminato delle risorse
naturali.

ART.2 - I MEMBRI DEL PARTITO

I membri del Partito Nazionalcomunista Italiano, devono dedicarsi corpo e anima
alla lotta rivoluzionaria, devono essere risoluti, essere fedeli alla causa senza
mai tradirla, non temere sacrifici, superare eroicamente ogni ostacolo per il
raggiungimento della meta finale.
Può entrare nel Partito qualunque cittadino che abbia compiuto 18 anni di età e
che accetti lo Statuto del Partito, partecipi attivamente alla sua vita organizzativa
e politica e osservi la disciplina interna.
Chiunque voglia entrare nel Partito deve essere sottoposto individualmente ad
una regolare procedura d’ammissione, attraverso la compilazione di un modulo
di domanda per l’ammissione. La domanda sarà esaminata, approvata e
ratificata da un comitato di partito.
Ogni membro di Partito deve studiare e applicare rigorosamente i principi
dottrinari del nazionalcomunismo, impegnarsi nel quotidiano a farli conoscere
senza manie proselitistiche e a realizzarli battendosi apertamente dalla parte dei
ceti deboli della comunità nazionale.
Se un membro di partito venisse ingiustificatamente meno ai suoi doveri di
militanza violando la disciplina di partito, si procederà nei suoi confronti con le
seguenti misure disciplinari: avvertimento, avvertimento severo, destituzione di
eventuale carica nel partito, sospensione temporanea, espulsione definitiva dal
partito.

ART.3 - ORGANIZZAZIONE DEL PARTITO

Il principio organizzativo del Partito deve essere il centralismo democratico.
Gli Organi dirigenti verranno eletti attraverso consultazioni democratiche.
Tutto il Partito deve osservare un'unica disciplina: l’individuo è subordinato
all’organizzazione, la minoranza è subordinata alla maggioranza, l’istanza
inferiore a quella superiore: tutto il Partito è subordinato al Comitato Centrale
(C.C.).
Organo supremo del Partito è il Comitato Centrale che a sua volta ha il compito
di eleggere i membri della Direzione Nazionale del Partito: Il Segretario, il Vice
segretario e gli altri Funzionari dell’Ufficio Politico (con compiti specifici tipo
propaganda, tesoreria, logistica etc…)
Il principio del centralismo democratico è alla base anche dell’organizzazione
delle stesse cellule territoriali, dei comitati di base, delle organizzazioni giovanili
del partito.

ART.4 - IL COMITATO CENTRALE

Organo supremo del Partito è il Comitato Centrale che a sua volta ha il compito
di eleggere i membri della Direzione Nazionale del Partito: Il Segretario, il Vice
segretario e gli altri Funzionari dell’Ufficio Politico (con compiti specifici tipo
propaganda, tesoreria, logistica etc…)
Il Comitato Centrale viene eletto attraverso il congresso nazionale del Partito che
si tiene ogni due anni in cui vi parteciperanno un numero stabilito di delegati di
partito incaricati e scelti democraticamente dalle varie cellule territoriali e
comitati di base locali.

ART.5 - IL SIMBOLO

Il simbolo del Partito Nazionalcomunista Italiano è un rettangolo bianco al cui
interno è inserito la scritta PNCI in rosso.
Alla base della stessa è presente una striscia orizzontale rossa, all’apice invece
è presente una striscia orizzontale interrotta al centro dell’immagine a formare
uno spazio bianco e con le due semistrisce rappresentano i colori della bandiera
italiana.
All’interno dello spazio bianco è presente la falce e il martello nazionalcomunista
nero.

Nessun commento:

Posta un commento